Soci Scomparsi

Il Silenzio

 

 

 

DOVE IL TEMPO NON CONTA

 

Un pensiero a chi non c'è più,

a chi ci ha sorriso,

a chi ci ha cresciuto,

a chi per noi ha fatto sacrifici,

a chi con noi ha scherzato o giocato,

a chi un giorno abbiamo conosciuto

a chi in un triste giorno il destino ha scritto la parola fine,

lo sò è la vita,

ma quando si perdono persone care

farsene una ragione è sempre difficile

e i perchè si accavallano al dolore.......

un pensiero a chi non c'è più........

Antonio 

Giovanni Serra Cosimo Tanchis
Giuseppe Rum
Gianni Cubeddu Rita D'Orazio Bocci
Filippo Marongiu Mauro Errica Giuseppe Campus Giuseppe Spadoni Giovanni Scanu
Giovanni Bortone Francesco Satta Gianni Biccone Glauco Panieri Luisa Iannone Tanchis
Giuseppe Lo Pane Cosimo Demontis Giovanni Doro Claudio Passetti
Quirico Addis
Ambrogio Nuvoli Giovanni De Murtas Arnaldo Rombi Andrea Pischedda Antonio De Notaris
Antonio Ventroni Franco Rondelli Antonio Pisà Gavino Morittu
Pietrino Tanchis
Grazia Salcioli Paolina Asara Biancareddu Giovanni Sedda Elia Boe Marco Ganadu
Clara Torselli Demurtas Goffredo Mameli Mirella Atzori Manunza Leone Bernard Paolo Bandini
Antonella Musu Michele Racugno Ugo Racugno Loi Francesco Amodio Alessandro
Mario Fusco Folker  Focke Matteo Sposito Antonio Biancareddu Vincenzo Me
 Pier Luigi Moretti Roberto Ruberti Enzo Testi   Luciano Vizzoni Fulvio Cova 
Stefano Biancareddu Nardi Mario  Giola Giommaria  Giorgio Monteverde  Riccardo Polverosi 
Vincenzo Finale Mauro Lai  Antoni Maria Solinas  Adriana Frangioni  Umberto Golisciani 

  

IN RICORDO DI ENZO TESTI - SALIDU A SU CHELU

(Livorno  08 maggio 2014)

Enzo era un amico di tutti. Nella sua vita si è dedicato,oltre al suo lavoro,ad attività di associazionismo,per cui molte persone hanno avuto l'occasione di conoscerlo e di apprezzare il suo vero sentimento di amicizia. Enzo faceva parte di due cori: quello dell'Associazione Culturale Sarda "Quattro Mori" di Livorno e quello della Corale Filippo De Monte di Stagno.

La passione di Enzo per la musica è nota a tutti; da giovane ha suonato in varie orchestrine improvvisate in occasione di feste paesane col suo inseparabile sassofono. Quando andò in pensione ed ebbe maggior tempo a disposizione, organizzò e diresse un coro organizzato a più voci che fu ascoltato sia nelle cerimonie religiose sia nei concorsi corali in varie provincie toscane.

Enzo fu conosciuto come uno dei più validi muratori esistenti nella zona comunale perchè teneva molto ad eseguire bene il suo lavoro imparato fin dalla giovane età, essendo figlio d'arte, in quanto anche il padre Ovidio era un ottimo muratore. Era diventato Presidente della Sazione Combattenti e Reduci di Vicarello, a cui teneva molto di appartenere, partecipando a tutte le riunioni e manifestazioni in sede provinciale e comunale con la rispettiva bandiera tricolore. Insomma Enzo è una persona che sarà difficile dimenticare e, a lui va l'affettuoso ricordo da parte mia, dell' Associazione Culturale Sarda "Quattro Mori" di Livorno  e di tutti coloro che lo hanno conosciuto.

Antonio 

 

 IN RICORDO DI GIOVANNI SEDDA - SALIDU A SU CHELU

(19 Agosto  2006)

 

 

 Deghe dies a'oe, tziu Juanne Sedda a su chelu est salidu

dae custa vida su destinu feu in su mes'austu l'ait pigadu

dolores, sentimentos cun tristura a tottus nois issu sa lassadu

in tottus sas partis, amigos, parentes et conoscentes ait pregaidu.

 

Medas novas isolanas, et pro Gavoi e Mogoredda cun tie appu cunversadu

como tra mene e tene non bi at prus paraula ma solu pensamentu

a tue Juanne in paradisu ite as a esser pensende tra tene e tene in custu momentu

chi lu poder narrere, pro faghe sentinella da - e s'altu Empireu immortaladu

 

Perdonat' chi fit in terra cun tue in mancantzia pro Deus imperadore

lassend'in terra zente dae su male essidos fora cun su cunsolu tou a s'urtim'ora

s'Assotziu pro meritu mazzore,fieru e gagliardu te cheret saludare cun'amore

stimadu pro sempre che menzus tesoro t'idimus in figura e documentu in ogni dimore

 

Sa musa ispiradora comment'una istella sa ch'est Juanne sorvegliende in paradisu

de serbidore est benniu protettore in su chelu pro sa familia e s'associazione

custa rigas a tie pranghende appo dedicadu chi lu cumprendes fagh'mie un'sorrisu

non timas, ogni die chi domandas tue de mei dda domandu deu de tui cun passione

 

Antonio Deias ( Livorno 19 agosto 2006)

 

Torna alla pagina iniziale Stampa questa pagina Modifica questa pagina Condividi questa pagina su Facebook