Tornei

CAMPIONATO DI CALCIO A 5 - SERIE D

STAGIONE 2016/2017 - PROMOZIONE IN SERIE C

" Premiazione "

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

CAMPIONATO DI CALCIO A  5 - SERIE  D

 STAGIONE 2015/2016

 

 

 
   
   
 
   
   
   
 

 

 

1° TROFEO  "FASIUNDERTRENTACINQUE " -  MARCO GANADU   2011
 

La realizzazione  dell'iniziativa è scaturita da una serie di fattori condivisi con diversi giovani della FASI della Circoscrizione Centro Sud strettamente legati dai valori autentici di solidarietà, fratellanza e amicizia. Con questo spirito nel 2010 a Livorno nell' Associazione Culturale Sarda "Quattro Mori" è nata l'idea di organizzare il Memorial di calcio a otto " Marco Ganadu". La presente iniziativa 2011  vuole dare continuità all'evento su indicato e pertanto investe sullo sport per coinvolgere le numerose generazioni giovanili presenti nelle Associazioni Culturali Sarde della Circoscrizione Centro Sud : uno spunto per un maggiore confronto tra esse, da vivere con spirito di aggregazione e socializzazione.

 

FORMAZIONI
Quattro Mori - Livorno          Narada - Prato
          
 Calciatori  a  disposizione Calciatori  a  disposizione 

Paolo Massenti - Matteo Pinna - Emanuel Demelas Lorenzo Ambrogi - Stefano salvini - Alessio Sciacca -Marco Cuccu - Bruno Zappino - Emanuele Acciai  - Raffaele Canu - Omar Podda - Alessio Podda - Claudio Daumiller - Alessandro Mazzoncini -  Alessandro Ghiselli - Vittorio Norio

Francesco De Cicco - Andrea Fioravanti - Cesare Cimel - Lorenzo Baldi - Iacopo Cacioli - Jionathan Anedda - Stefano Sensini - Matteo Volo - Pablo Begliomini - Michele Schillaci - Mauro Piu - Mattia Marras - Jacopo Francioni - Gianluca Mingolello

 G. Deledda - La Spezia Circoli Riuniti - Roma

  

 

 

 

 Calciatori  a  disposizione Calciatori  a  disposizione
 Giordano Grossi - Giacomo Ricco - Mauro Carrucciu - Francesco Piu - Massimo Putzolu - Alessandro Faraglia - Marcello Falzoi - Stefano Ledda - Alessandro Crobeddu - Francesco Fois Giuseppe Mariani - Valerio Mariani - Sebastiano Astolfi - Roberto Amoretti - Damiano Ciano - Andrea Grimaldi - Ivano Alessandri - Alessandro Bucci - Alessandro Lantieri - Simone nera - Giuseppe Di Chiera - Michele Maria Concezzi - Pietro Masia - Massimiliano Murgia - Antonio Codina - Gian Michele Lisai - Alessandro Proietti - Emanuel Nera
Livorno 09 Ottobre 2011 : Quattro Mori Livorno  -  Narada di Prato
 
CLASSIFICA   PROVISORIA
SQUADRE 1° Giornata 2° Giornata 3° Giornata 4° Giornata 5° Giornata
Livorno 3 6 9  9 Riposo
Prato 3 Riposo 6  9  12
Roma Riposo 0 0  3  6
La Spezia 0 0 Riposo  0  0
Pisa 0 0 0 Riposo  0

 

Parlano di noi..........

......" grazie di cuore, caro Antonio, a te e a tutti i collaboratori del Circolo di Livorno per la splendida e generosa accoglienza, ripetutamente sottolineata con entusiasmo dai nostri calciatori, pur sconfitti nella bella e corretta gara dai Vostri. Avete dimostrato ancora una volta cosa significa l'ospitalità dei Sardi.  Un abbraccio  Antonio Masia

(Roma: lunedì  03 Ottobre 2011)

 

 

....... Cari amici, ho letto con piacere  la nota di ringraziamento e di compiacimento che il Presidente del Gremio ha voluto esprimere ad Antonio Deias in merito all'organizzazione e all'accoglienza riservate alla squadra di calcio "Roma" nella prima partita del torneo "Fasiundertrentacinque " Marco Ganadu.   Per la cronaca il Livorno è prevalso sulla "Roma" per 6 a 4

Ai compiacimenti di Antonio Masia unisco i miei con rammarico di non avere potuto assistere per motivi privati. Qualquno mi ha chiesto: perchè dedicate una parte delle risorse finanziarie e del vostro tempo al calcio? . La risposta la fornisce Antonio Masia con parole che esprimono serenità, lealtà, rispetto delle norme e degli "avversari". Le fotografie che Antonio ha allegato trasmettono - del resto - immagini di giovani allegri e fieri di vestire la maglia del proprio Circolo. Sono convinto che lo sport, con le sue regole, può rappresentare una grande opportunità per i giovani e per le nostre associazioni.Ai giovani può aiutare a costruire una sana cultura dell'impegno, della convivenza, del rispetto delle regole e degli altri. I Circoli possono ritrovare nello sport i significati più autentici come i momenti di incontro, di dialogo, di convivenza.

Grazie Antonio Deias!......Alle prossime partite  con affetto Bruno Culeddu                                                

( Firenze: 04 Ottobre 2011 - dal Coordinatore FASI  Centro Sud ) 

 

 

Giornata veramente speciale...........il torneo è veramente una grande occasione per creare momenti speciali di sport, amicizia condivisione di progetti, gli obiettivi che si possono raggiungere con lo sport sono veramente tanti, nostante i sacrifici per partecipare, ma alla fine nel vale veramente la pena.Un sincero ringraziamento agli amici di Livorno per la disponibilità e per l'organizzazione. Agli amici di Roma per la loro partecipazione alla FASI per averci coinvolto nell'iniziativa........ Alle prossime partite  Enea Mulas ( Prato: 10 Ottobre 2011 - dal Presidente Circolo Narada di Prato).

 

 

Un grazie infinito.............. caro Antonio, a te e a tutti i simpaticissimi collaboratori del Circolo di Livorno per la calorosa e splendida accoglienza. Domenica abbiamo perso ma questo non ha intaccato in nessun modo la gioia e l'entusiasmo dei nostri calciatori che già con ansia di ritornare nella vostra bella Livorno per disputare la prossima partita "e non solo". Voglio salutare anche a nome degli altri Presidenti "dei Circoli di Roma" i giocatori del Prato e il loro Presidente Enea Mulas per la bella e corretta gara vinta meritatamente. Grazie Antonio, grazie a tutto il Circolo di Livorno per aver dimostrato ai nostri giovani cosa significa l'ospitalità dei Sardi. Un abbraccio....Pierangelo Cadoni (Roma: 11 Ottobre 2011 - dal Presidente Circolo Andrea Parodi)

 

 
Da  FASI  Centro.......... il nostro inviato da Livorno ci telegrafa

La classifica alla 3^ giornata : Livorno 9  - Prato 6 - Roma 0 - La Spezia 0 - Pisa 0 - squalificati e ammoniti: nessuno.

Il commento

IL LIVORNO SOLITARIO IN TESTA .......... Lo squadrone di Livorno conduce solitario in testa a punteggio pieno e punta decisamente al titolo. Il coach della squadra labronica ha adottato uno spregiudicato piano tattico: al suo 1-4-3-3 sembra che non ci siano contromisure. Segue in alta classifica la rivelazione Prato che si è imposto con un perentorio 3 a 0 sulla squadra capitolina. Si accende intanto in coda la lotta per la retrocessione con qualche allenatore a rischio di esonero. Cresce intanto l'interesse e l'attesa per il match di domenica tra il Livorno e il Prato; un derby che si annuncia molto combatutto.

 

 
Dal Circolo "Quattro Mori di Livorno .......... la pagina sportiva:

La classifica alla 4^ giornata : Livorno 9 - Prato 9 - Roma 3 - La Spezia 0 - Pisa 0 - squalificati e ammoniti nessuno.

Il commento

IL LIVORNO RAGGIUNTO DAL PRATO IN TESTA ALLA CLASSIFICA ........ davanti ad una cornice di pubblico delle grandi occasioni composto prevalentemente da soci del Circolo "Quattro Mori" di Livorno e del "Narada" di Prato, parenti, amici e appassionati  la compagine Pratese ha battuto i Labronici per 3  a 1 puntando decisamente al titolo.

Coinvolgente il messaggio iniziale del Presidente del Circolo 4 Mori di Livorno a tutti i giocatori" carissimi giocatori, siamo alle battute finali di questo Torneo nel ricordo di un nostro socio. Il desiderio della famiglia e di tutta la Circoscrizione FASI del Centro Sud è  quello di assistere ad un torneo di calcetto corretto in campo, senza discussioni e rancori tra giocatori per farci vivere delle belle emozioni..... e grazie a tutti voi  stiamo rispettando questi principi fondamentali onorando questo impegno con lealtà e correttezza".

Bella ed emozionante è stata la partita ...... a tratti spettacolare. Si sono potute apprezzare delle belle giocate, ma sopratutto in campo e fuori  si poteva respirare una bella atmosfera. Commemorazione, solidarietà, divertimento e sano agonismo, questi gli ingredienti che hanno visto trionfare l' amicizia ed il ricordo di Marco Ganadu, al di sopra di tutto, contaddistinguendone il 1° Torneo fasiundertrentacinque. Il campo di calcio su cui tanti amici, colleghi e non solo si sono battuti correndo dietro ad un pallone contornati da amici, parenti, conoscenti, o semplici curiosi è stato testimone di una magica atmosfera dove Marco è sicuramente tornato nel cuore e nella mente di tutti noi.

Grazie  a tutti ......... Antonio Deias

Livorno. 17  Ottobre 2011

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel dopo partita............Vince  la fame
 

 

 

 

 

 

   

 

 
MEMORIAL   MARCO  GANADU - 2010

                             

Il Memorial “Marco Ganadu” di calcetto a  otto svoltosi nei giorni  28-29  e 31 ottobre 2010 a Livorno si è concluso  presso il Centro Sportivo di Monterotondo. Bella ed emozionante è stata sicuramente  la premiazione del torneo.

Dopo il saluto del Presidente dell’ Associazione sarda “Quattro Mori “ di Livorno e il successivo  intenso ricordo di Marco Ganadu da parte del babbo Vanni,vengono distribuiti  i premi:  coppe, targhe e medaglie messe tutte a disposizione dalla famiglia Ganadu e dall’ Associazione organizzatrice. Targhe e medaglie sono state consegnate anche ai piccoli ospiti presenti con i loro genitori .Al termine delle premiazioni ,organizzato  dall’ Associazione “Quattro Mori” si è offerto un  buffet per tutti i presenti.

E’ stata una giornata bellissima - ci dice la Famiglia Ganadu – e aldilà di chi abbia vinto , del primo o quarto posto,  i ragazzi tutti si sono divertiti e sono rimasti contenti per l’organizzazione della manifestazione. Contiamo perciò il prossimo anno, sollecitati dal successo ottenuto , di poter ulteriormente migliorare il torneo con l’ obiettivo di allargare lo stesso ad  almeno a 6-8 squadre e di ciò ne  auspica anche  il Presidente Antonio Deias nel suo intervento conclusivo dove conferma altresì   un grazie di cuore a tutti gli ospiti che hanno onorato l’evento e partecipato alle premiazioni, ai tantissimi soci e pubblico presente …… 

   
 

Alcune immagini della giornata

 
   
       
      
   
          
         

 

Domenica 3 ottobre 2010 - Stagno (LI)

                                                              

Sfida in punta di dita,……Sebastiano Sanna e Ciriaco Flore......... Le stelle della Morra a Livorno 

Per chi si appresta ad assistere ad una partita di Morra per la prima volta difficilmente gli riuscirà di comprendere quali siano le basi su cui si fonda questo antichissimo gioco.Gi sarà più facile pensare

che i contendenti chiamino dei numeri a caso mostrando di volta in volta un numero di dita differente sperando di essere i più fortunati nell’indovinare la somma. La Morra invece non è questo, bisogna provare almeno una volta a giocare per capire quali siano i ragionamenti che stanno dietro a quelle mani che si aprono e si chiudono ed a quei numeri gridati così a gran voce.

Potrebbe essere paragonata ad una partita a scacchi giocata però a coppie. Ogni mossa non è mai fine a se stessa, non bisogna mai togliere la concentrazione dal terreno di gioco e studiare l’ avversario in maniera da anticipare le sue mosse e guadagnare il maggior vantaggio da ogni sua piccola distrazione.La morra è la stessa cosa, l’ unica differenza è che, mentre negli scacchi si ha tutto il tempo per riflettere prima di muovere, nella morra i ragionamenti devono essere fatti in tempi brevissimi visto che la cadenza del gioco è quasi sempre di una chiamata al secondo. Quindi niente di più affascinante che studiare l’ avversario per pochi istanti per capirlo prima che lui capisca te, metterlo in sacco prima che lui metta in sacco te; una sfida che si basa sulle astuzie, su tranelli, su mosse e contromosse in cui ad avere la meglio è chi riesce a mantenere la concentrazione senza cadere sotto la pressione di chi gli sta di fronte.

 Giocare bene a Morra è una cosa molto difficile, richiede colpo d’occhio, prontezza di riflessi, calcolo delle probabilità, una certa acutezza psicologica ed innanzitutto la correttezza dei giocatori. Aprire bene le dita, chiamare i numeri in maniera chiara e comprensibile sono degli aspetti per nulla trascurabili di questo nobile gioco. La bravura di un giocatore, quindi, si misura anche dalla sua onestà ed è proprio questa qualità quella maggiormente apprezzata tra gli appassionati.

Nella frenesia dei giorni nostri avvicinare dei giovani a questo gioco è una maniera molto efficace per inspirarli a dei sani principi e per fargli conoscere quali siano le tradizioni della loro terra affinché non si corra il rischio che le proprie radici vengano dimenticate.Su questa premessa è stato organizzato dall’ Associazione Culturale Sarda “ Quattro Mori “Il secondo torneo di Morra Sarda,  svolto a Livorno domenica 3 ottobre 2010, confermando il successo della passata edizione in termini di pubblico e di partecipanti.

Per quasi due ore i presenti si sono dati battaglia per portarsi a casa il titolo di miglior coppia della giornata, motivo di vanto ed orgoglio per ogni appassionato giocatore di morra.Ad avere la meglio la copia formata da Sebastiano Sanna e Ciriaco Flore. Altrettanto emozionante è stata la semifinale dove i vincitori dell’ esibizione per un bel po’ hanno tenuto con il fiato sospeso gli spettatori costringendo più volte  gli avversari ad un’ insperabile rimonta.

Il recupero di antichi giochi popolari – folkloristici tipici della nostra storia è stato lo scopo di questo incontro. Il torneo è quindi stato  interpretato dai partecipanti  come una manifestazione culturale animata da grande spirito amichevole.La numerosissima partecipazione è di buon auspicio ed incoraggiante per  gli organizzatori.

Il prossimo appuntamento annuale  del torneo vedrà impegnata l’ Associazione Sarda “ Quattro Mori “ di Livorno nel coinvolgere una sempre più costante e  numerosa  partecipazione  al torneo. 

                    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla pagina iniziale Stampa questa pagina Modifica questa pagina Condividi questa pagina su Facebook